Pubblica Assistenza AVIS Montemarciano

telephone Tel. 071/915224  fax icon Fax. 071/9158468
 fattEl1616 Fatturazione Elettronica: M5UXCR1 

 

La nostra storia

tessera1
La tessera n°1

La Sezione Comunale di Montemarciano dell’Associazione Volontari Italiani del Sangue nasce il 22 novembre 1966; un gruppo di donatori residenti nel nostro Comune ha creduto nell'idea di coordinare le attività finalizzate alla Donazione in un ambito territoriale più circoscritto di quello allora esistente, in modo da poter gestire al meglio il flusso di Donazioni, dare un punto di riferimento identificabile e vicino, sensibilizzare quanto più possibile la popolazione sul tema dell'aiuto disinteressato e di raccogliere così maggiori adesioni di nuovi Donatori.
Il Primo Presidente dell’Associazione fu il Dr. Socrate De Angelis, coadiuvato dal Dr. Michele Daconto con l’incarico di Vice Presidente ed il Dr. Roberto Ranieri con l’incarico di Segretario.

Nel 1977 arriva la prima Ambulanza, mitico FIAT 238, dono della locale Cassa di Risparmio di Jesi. L’Associazione s’impegna ad offrire, nel Comune di Montemarciano, il servizio di trasporto sanitario d'urgenza. All'inizio, questa nuova attività è prestata perlopiù, dai Donatori della Sezione A.V.I.S. Col tempo però, sempre più Volontari, non necessariamente Donatori di sangue, decidono di prestare il loro tempo a favore del prossimo facendo in modo che l’attività e i soci dell'Associazione fossero maggiormente indirizzati sul versante del servizio Ambulanza.


avismonte
FIAT 238 e Citroen CX2000


Per rispondere alle esigenze crescenti dell’Associazione il 22 aprile 1987 un gruppo di soci decide di costituire la Pubblica Assistenza A.V.I.S. di Montemarciano.
Il Primo Presidente della “nuova” Associazione è il Dr. Attilio Bartozzi. I principi ispiratori sono quelli dell’Associazione Volontari Italiani del Sangue e dell’Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze.
L’Associazione cresce man mano nell'arco anni, sia nel numero dei volontari che nel numero degli automezzi. Il 22 dicembre 1993 ottiene l’iscrizione al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato, a dimostrazione del suo impegno nel servizio che svolge.
Altra data importante è 8 febbraio 1999, quando ottiene l’autorizzazione al servizio di Protezione Civile dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Oggi la Pubblica Assistenza AVIS può contare su oltre 400 Soci volontari attivi ed un ampio parco mezzi costituito da ben 17 veicoli.
Tanta strada è stata percorsa dalla fondazione dell’AVIS, fatta di piccoli passi e degli sforzi di molti che hanno portato però a grandi cose, realizzate sempre nell’interesse della cittadinanza del Comune di Montemarciano.
Tuttavia c’è da fare ancora molto per gestire e far progredire tutte le attività connesse alla Donazione di sangue, al Servizio Ambulanza, all’attività di Protezione Civile: ciascuno di noi può "fare qualcosa per gli altri" dedicando a questa attività parte del proprio tempo libero.

40anni
Quarant'anni di noi!

L'AVIS ha bisogno di tutti ed ha bisogno di:

  • SOCI: sono coloro che che, pur non potendosi impegnare come Donatori o Militi, vogliono partecipare alle iniziative dell’Associazione, sostenendo operosamente le attività che sono organizzate (raccolta fondi Telethon, partecipazione agli eventi comunali, aiuto nel corso dei "Agosto in Festa");

  • MILITI: sono coloro che offrono il loro tempo libero per coprire turni di servizio non solo d’urgenza, ma anche per i numerosi trasporti programmati; possono essere autisti, soccorritori, barellieri, oppure centralinisti diurni o notturni di supporto all’equipaggio d’urgenza;

  • DONATORI : sono coloro che si sottopongono periodicamente ai prelievi che consentono di tenere in vita persone che ne hanno estremo bisogno;

  • CONTRIBUENTI: sono tutti coloro che, non potendo prestare servizio come Donatori o Militi per motivi personali, decidono di contribuire all'Associazione versando una quota annua stabilita dall'Assemblea dei Soci (per l'anno in corso è di € 50);

  • ONORARI: "i soci onorari vengono nominati dall’Assemblea, su proposta del Consiglio di Amministrazione, fra coloro che hanno conseguito particolari meriti nell’ambito dell’Associazione o al di fuori di essa,ma che abbiano, comunque, contribuito a dare lustro e prestigio all’Associazione." (Art. 7 dello Statuto Associativo). Si attribuisce la qualifica di socio onorario a tutti coloro che hanno svolto 25 anni di servizio in Associazione.